Una verità elementare

jeff-sheldon-3224.jpg

"Vi è una verità elementare che concerne ogni iniziativa e ogni creazione e l'ignorarla sopprime innumerevoli idee e i più splendidi progetti: non appena ci si impegna in maniera definitiva anche la Provvidenza si mette in moto. 

Accadono moltissime cose che ci vengono in aiuto e che non si sarebbero altrimenti verificate. 

L'intero succedersi degli eventi scaturisce da quella decisione, provocando, a nostro favore, ogni sorta di fatti, di incontri, di aiuti concreti che nessun uomo immaginerebbe mai di trovare sulla propria strada."

- William H. Murray -

 

Perché ho voluto condividere con voi questo paragrafo di Murray? Perché non avrei saputo dirlo con parole migliori. 

Alcuni mesi fa scrissi queste parole su un taccuino, e mi trovo a rileggerle spesso per essere sicura di non dimenticare quanta forza abbia l'impegnarsi in qualcosa. 

E' come accendere un interruttore. Da quel momento in poi non si può tornare indietro. E non si tratta di forza di volontà, ma di assecondare un bisogno. Parlare di forza di volontà equivale a parlare di un conflitto, di qualcosa da superare. 

Ma quando ci si dedica completamente ad un proprio progetto, ai propri sogni, alle proprie idee, allora tutti i conflitti non esistono più. 

Questo non significa che non si avranno più dubbi. I dubbi sono necessari in ogni fase della nostra esperienza. Ma arrendersi o rinunciare non sono più un'opzione. 

E, incredibilmente, dal momento in cui prendiamo la nostra decisione, avremo la sensazione che l'universo intero si stia muovendo in nostro favore. 

Come? E' difficile da spiegare, è una sorta di mistero. L'unico modo per capirlo è iniziare. 

Credimi. 

 

Alessia Scognamiglio